agosto 2016

Beacon: tutti i segreti svelati da NearIT

Strategia mobile
NearIT revealed beacon

Dispositivi che, negli ultimi anni, stanno avendo una diffusione esponenziale all’interno di strutture commerciali e non.
Ma cosa sono e a cosa servono questi beacon?

I beacon

I Beacon sono piccoli dispositivi che funzionano con tecnologia BLE (Bluetooth Low Energy) e sono tra gli hardware più usati per fare Proximity Marketing, ossia per comunicare con gli utenti attraverso lo smartphone, quando si trovano in prossimità di un luogo o di un punto strategico, e in una specifica circostanza.

Tuttavia, i beacon da soli non funzionano: hanno sempre bisogno di un’app, attraverso cui, nel rispetto dei termini delle norme di privacy vigenti, veicolano i contenuti in maniera profilata e geolocalizzata, utilizzando la posizione dell’utente quando ha lo smartphone in tasca.

Sei interessato ad utilizzare i beacon per la tua campagna ma non hai un’app? Scopri la soluzione Chiavi in mano StartIT!

beacon

Scopriamo di più

A fronte di comportamenti e abitudini d’acquisto sempre più caratterizzati dal mobile, le aziende sono interessate a nuove tecniche e tecnologie per comunicare con gli utenti in maniera profilata e in un preciso contesto. Si stima infatti che entro il 2021 il numero di sensori di prossimità impiegati a livello globale raggiungerà i 500 milioni, trovando applicazione in diversi settori.

Se pur utilizzati soprattutto nell’ambito retail, i beacon si adattano anche a contesti come fiere ed eventi, musei e spazi espositivi, ma anche città e territori dove, sfruttando la posizione geografica dell’utente, diventa possibile connettere persone, luoghi, prodotti e servizi in ottica smart, veicolando una comunicazione mirata in grado di rendere le esperienze più dinamiche.

Fornire l’informazione giusta, al posto giusto e nel momento più opportuno semplifica di fatto la comunicazione, quindi l’accesso ai servizi, così come la promozione degli stessi da parte dei business.

beacon smartphone

Come funzionano

I beacon emettono segnali bluetooth in frequenze predefinite, con una potenza di trasmissione e intervalli configurabili, che possono essere rilevati da dispositivi intelligenti come gli smartphone.

In questo modo permettono di inviare messaggi in prossimità e in tempo reale a tutti gli utenti che si trovano nel loro raggio d’azione, veicolando semplici informazioni, ma anche contenuti multimediali come foto, video, documenti, questionari, e richieste di feedback.

Dunque: un utente che ha scaricato un’app, ha il bluetooth acceso e ha dato il proprio consenso a ricevere informazioni attraverso l’app, riceverà una notifica sul proprio device in base ai suoi interessi, quando si trova vicino a un punto di interesse rilevante. Il mittente potrà gestire i contenuti della campagna, quindi il posizionamento dei beacon, attraverso una piattaforma web integrata con l’app.

Caratteristiche tecniche

Il raggio d’azione di un beacon è regolabile e può variare in base al modello del dispositivo e della potenza del segnale. Si possono inviare contenuti in modo efficace con un segnale senza fili fino a 60 metri per i modelli più comuni, ma anche oltre i 100 metri se si tratta di beacon con una capacità di trasmissione maggiore.

I beacon sono per lo più alimentati da batterie coin. Esistono però anche dispositivi alimentati da prese a muro o USB. Le batterie di un beacon hanno in media una durata di tre anni, ma esistono anche modelli che prevedono un sistema di risparmio energetico.

Tra i fattori che ne influenzano la durata:

  • la potenza di trasmissione
  • la lunghezza del raggio di trasmissione (più è lungo, più diminuisce la durata della batteria);
  • l’intervallo di invio dei segnali da parte di un beacon (più gli intervalli sono brevi, più si riduce la durata della batteria).

Materiali e forme

I beacon sono disponibili in diverse dimensioni, forme, colori e materiali.

Quali scegliere per fare marketing di prossimità dipende dall’uso che si intende farne: per esempio, se saranno posizionati all’interno (in un negozio, in un ristorante o nella sala di un museo) o all’esterno (sull’arredo urbano di una piazza o di una via della città).
In quest’ultimo caso è necessario preferire beacon di materiali impermeabili e resistenti ad alte e basse temperature, in grado di garantire migliori prestazioni in termini di segnale.

beacon colour

I vantaggi

I beacon sono una tecnologia innovativa ma accessibile, sia in termini economici, sia in termini di gestione.
Sono facili da installare e da posizionare e possono essere collegati a qualsiasi luogo o oggetto, facendo attenzione ad alcune regole per non comprometterne la diffusione del segnale.

Hanno un raggio di azione più ampio dell’NFC, garantendo quindi una maggiore copertura e facilità di raggiungimento dei dispositivi, ma più ristretto del GPS, lavorando con più precisione e meno consumo di energia anche in ambienti chiusi.

Rilevando la precisa localizzazione degli oggetti anche in aree di piccolo raggio e permettendo di coinvolgere gli utenti nel momento più opportuno, quando stanno cercando qualcosa, è possibile raccogliere e analizzare dati per conoscere i loro interessi e comportamenti in relazione all’ambiente in cui si trovano, come ad esempio:

  • il tempo di permanenza in un luogo;
  • quali articoli hanno suscitato maggiore interesse;
  • le abitudini d’acquisto;

In questo modo, combinando i dati personali dell’utente, i loro comportamenti e la loro posizione geografica, è possibile pianificare campagne di marketing e comunicazione più efficaci, instaurando una nuova relazione di fiducia con i propri utenti.

 

Vuoi conoscere di più la tecnologia beacon?

Contattaci per maggiori info


Accetto la vostra Privacy Policy.